Chatillon e la piccola grande Storia

Chatillon è situato a 549 metri di altitudine, in corrispondenza dell’imbocco della Valle di  Valtournenche con la Valle Centrale e si estende su un’ampia conca lungo i due versanti della Dora Baltea e del torrente Marmore, con a Nord il Monte Zerbion e a Sud il Monte Barbeston e la Cima Nera.

Châtillon diventa nel Medio Evo ricco feudo dei nobili Challant, che vi hanno lasciato importanti testimonianze, infatti sono  tre i castelli che caratterizzano il paesaggio di Chatillon; oltre al castello degli Challant, ereditato successivamente dalla famiglia Passerin d’Entréves, di cui oggi porta il nome, troviamo il castello Baron Gamba, immerso in un grande parco, e quello di Ussel, che si trova appena oltre la Dora e che fu costruito da Ebalo di Challant nel 1350, oggetto di un accurato restauro e oggi adibito a sede di mostre temporanee nel solo periodo estivo.

Di epoca Romana è il l’imponente ponte sul torrente Marmore, con un’arcata unica di spettacolari dimensioni; restano segni, grazie ad un arco superstite, di un altro ponte romano sul quale passava la via consolare romana. Negli ultimi trent’anni vi è stato un notevole sviluppo edilizio che ha occupato, a ventaglio, vaste zone collinari e della “piana”. Da ricordare infine il moderno centro sportivo e la prestigiosa scuola alberghiera meta di ritiro precampionato di numerose squadre sportive.